Gruppo di lavoro Bailador – Sondaggio febbraio-maggio 2010

Sezione: Primo Piano

Il sondaggio è concluso, abbiamo superato le 1000 entrate.
Ringraziamo tutti coloro che lo hanno compilato e aiutato a farlo.
Ringraziamo chi l’ha diffuso e l’ha fatto conoscere.
Un sondaggio non è la verità assoluta ma dà un’idea di quello che pensa il popolo che rispetta il “non umano” ed indica una direzione nuova rispetto a molte idee dell’animalismo (antispecismo, biocentrismo ) classico diventate ormai obsolete. Un sondaggio del genere non era mai stato fatto prima.
Speriamo che sia letto con attenzione e faccia riflettere.
Chi legge capirà. Utilizzatelo come credete se lo ritenete opportuno.

Download risultati dei sondaggi: www.lasaggezzadichirone.org/site/wp-content/uploads/2010/05/sondaggi-bailador-risultati-2010.pdf

Uscito film da “Il gesù clonato e l’anticristo vegetariano”

Sezione: Primo Piano

film

Il rapporto fra Uomo, Dio e Natura nel film “Greenman” di Alessandro Zunino

È stato presentato oggi alla stampa il film Greenman, produzione indipendente girata a Genova, Torino e in Lunigiana, liberamente ispirato al romanzo di Paolo Ricci “Il gesù clonato e l’anticristo vegetariano” e con una spiccata impronta animalista e vegetariana. Il film – produzione Medea, Badapple – diretto e sceneggiato da Alessandro Zunino con la collaborazione di Massimo Tettamanti, affronta la tematica del rapporto tormentato uomo-Dio-natura, verrà proiettato all’interno di alcuni prossimi festival italiani e sarà disponibile prossimamente in dvd e sul web.

Greenman non è un film anticlericale, non è un film “anti”, termine che prevede una negazione. Piuttosto è un film contro. Contro gli integralismi, non solo religiosi, e gli effetti deleteri per l’uomo e la natura che questi comportano.
Greenman non è un film complesso, malgrado le tematiche affrontate. Si compone a quadri (anche realizzati per una facile distribuzione sulla rete) e i dialoghi sono, volutamente, spesso poco “naturalistici”, quasi enfatizzati. Ciò è stato possibile grazie allo splendido cast teatrale per buona parte di scuola genovese.
Diretto e fotografato dallo stesso Zunino e prodotto per Medea da Annapaola Pastorino vede il seguente cast principale:
Fabrizio Lo Presti, Marco Taddei, Oreste Valente, Lisa Galantini, Lazzaro Calcagno, Susanna Gozzetti, Jurij Ferrini, Federico Giani, Antonio Carlucci, Ilaria Amadasi, Diego Savastano, Paolo Maria Pilosio, Simona Guarino.

Una nuova filosofia di produzione
Una produzione indipendente per creare nuovi strumenti atti contrastare i costi del cinema “tradizionale”, proibitivi per i nuovi autori: gli artisti sono in prima linea nel progetto, lavorando spesso anche gratuitamente per progetti altrui, trovando poi altrettanta disponibilità per i propri.
Si crea così una sorta di “canale artistico” che permette di abbassare i costi mantenendo, allo stesso tempo, una buona qualità. L’istituzione di un cinema indipendente e di un nuovo circuito distributivo (il web) sorretto da sponsorizzazioni permetterà la nascita e la crescita di nuovi autori e di nuovi linguaggi. Greenman vuole dare il via a questo progetto.
E’ un inizio. Ideatore del progetto è Alessandro Zunino (Badapple), in collaborazione con Medea.
Medea Produzioni è nata per sperimentare forme nuove di produrre cinema. I nostri film sono realizzati con progetti low budget, con il coinvolgimento a 360 gradi, per amore e per passione, di attori e troupe nella realizzazione dell’opera cinematografica.
La mission:
Rappresentare il mondo nel rapporto spesso spietato con la natura e gli altri esseri viventi, umani e non umani. Puntare i riflettori su ciò che diamo per normale e scontato ma che in realtà non lo è, illuminare il lato oscuro e scoprire che, forse, un’altra realtà è praticabile.
Greenman ci ha conquistato da subito. Una storia geniale e provocatoria, proiettata in un prossimo futuro; uno scenario possibile, in cui divino e diabolico si intrecciano, i miracoli non sono più solo appannaggio di Dio, mentre il simbolo del Greenman, che rappresenta la forza della natura, scompare e riappare a segnare il destino di una umanità afflitta, alla ricerca del modo di sopravvivere a se stessa.

LA TRAMA
Tre generazioni di animalisti, Bartolo, Erminio e Willy sono i testimoni di strani eventi a cavallo tra il 2009 e il 2053.
2009. Bartolo, animalista soft, dopo una cena con il figlio Erminio e qualche amico, compie un gesto tanto tragico quanto emblematico: uccide 27 bracconieri dando vita a un movimento animalista cruento e risolutivo. Muore in carcere nel 2011.
2043. Uno strano cardinale annuncia la nascita, avvenuta nel 2011 del clone di Gesù.
Il nuovo Messia ha 32 anni è dovrà salvare con i propri miracoli quella società malata.
Il cardinale non farà però i conti con la controversa personalità di “quel” Gesù e con Mosul,
uno strano tormentato personaggio capace di compiere le stesse gesta del clone in nome di … nessuno.
Erminio, figlio di Bartolo e fino ad allora vissuto mestamente all’ombra delle gesta paterne, conosce Mosul e ne diventa amico e biografo.
2053. Willy, figlio di Erminio, racconta dal carcere, ad una strana donna, le gesta e la triste fine della sua famiglia e del Gesù clonato. Una sola presenza accompagna questo mezzo secolo di storia: il greenman.
Una scultura rappresentante il volto di un uomo con tratti vegetali, la figura archetipo legata al rapporto uomo-natura, che risveglia gli animi e compensa gli squilibri di una bilancia della vita troppo spesso a sfavore di molti e a favore di pochi.

05/05/2010 21:00:54
redazione@cittadigenova.com

Pubblicato Il gesù clonato e l’anticristo vegetariano

Sezione: Primo Piano

greenman

IL GESU’ CLONATO E L’ANTICRISTO VEGETARIANO
Paolo Ricci
Edizioni Simple

Corre l’anno 2043: due giovani resuscitano i morti e compiono prodigi. Chi sono Quimper e Mosul? Che messaggio hanno? E perché operano portenti? Quimper è il Gesù clonato bretone che girovaga nel mondo, si stabilisce a Baton Rouge, nell’America dissoluta, e vive tra jet set e bassifondi. Mosul è l’Anticristo vegetariano, schivo e solitario, che concede rare interviste e vive nascosto nel Devon, sfuggendo alle masse esultanti. Gesù evita il problema della sofferenza animale, Mosul l’affronta totalmente. Il protagonista principale del libro, Willy Polpotta, segue il Diario Segreto di suo padre Erminio, consigliere e amico dell’Anticristo, e cerca di
scoprire l’arcano significato degli eventi miracolosi che si svolgono in quegli anni mirabili. Chi sono gli strani personaggi che popolano il tempo di Mosul? Chi è l’essere algoso che gli dona l’immagine lignea e fatiscente
di un Green Man? E cosa significa il dono? Il romanzo è percorso dalla storia del Velo di Marta – dal quale sarà prelevato il grumo di sangue utilizzato per la clonazione del nuovo Gesù -, una narrazione che ruota
intorno a Boemondo, principe normanno, a Guy de Nuitville e ad altri guerrieri della Prima Crociata. Il Velo attraversa i secoli, passando di mano in mano, incontrando vari personaggi, santi e peccatori. Chi è Isabel e
perché racconta che i sacrifici umani degli Aztechi non sono mai terminati? E chi è Zaino, che Willy Polpotta descrive come “l’uomo nuovo”? Il libro è un nuovo messaggio di etica rivoluzionaria in difesa di tutti gli esseri
senzienti mentre l’Apocalisse si avvicina.

Da questo libro è stato tratto il film “Greenman” diretto da Alessandro Zunino, prodotto da Medea e Badapple Communication

IL GESU’ CLONATO E L’ANTICRISTO VEGETARIANO
320 PAGINE
EURO 19,00

http://www.lasaggezzadichirone.org/site/?page_id=243

TRAMA
http://www.lasaggezzadichirone.org/site/?page_id=393

COME ORDINARE

I LIBRI SONO DISPONIBILI SU:

CATALOGO www.edizionisimple.it
SU TUTTE LE LIBRERIE ONLINE
(IBS.IT, DEASTORE.IT, LIBRERIA UNIVERSITARIA.IT, ECC…)
ORDINABILI SU TUTTE LE LIBRERIE TRADIZIONALI

www.edizionisimple.it
ordini@edizionisimple.it
info@edizionisimple.it
TEL E FAX = 0733/265384
skype: simone_stampalibri
http://www.ibs.it/

I GUADAGNI OTTENUTI DALLA VENDITA DEL LIBRO SARANNO UTILIZZATI PER FINANZIARE LA FORMAZIONE DI UN MOVIMENTO O ALTRE OPERAZIONI IN DIFESA DEL NON UMANO.

Pubblicato l’Assassino cherubico

Sezione: Primo Piano

centauro

L’ASSASSINO CHERUBICO
PAOLO RICCI
Edizioni Simple

Federico, il protagonista del romanzo, è colto, a un certo punto della sua vita, da una profonda crisi esistenziale provocata dalla caccia e dal massacro di esseri viventi. Si apre, sin dalle prime pagine, una voragine di riflessioni sull’esistenza, la società, il mondo, il male, la vita, la morte e l’alterità in tutte le sue forme. L’umanità è crudamente messa a confronto con il non umano. Le vicende della vita del protagonista, che diventa un vendicatore solitario, provocano la nascita di un movimento terroristico, le Brigate Verdi Internazionali, capeggiate dalla carismatica figura di un giovane assetato di giustizia. I brigatisti verdi sono pronti a combattere per vendicare le violenze contro il non umano. Lo stile narrativo è originale: pagine di diario, lettere, monologhi filosofici e dialoghi tra animali e angeli in stile teatrale, scene di azione o di fiction cinematografica, momenti di narrazione pacata, eroticamente concitata e ironicamente grottesca si alternano a momenti di riflessione storica e filosofica, e si susseguono come “work in progress” in una lettura ritmata che non concede soste. Scorrono nella lunga storia, come in un palcoscenico, molteplici personaggi umani, animaleschi, fantastici, angelici a volte drammatici, a volte ironici, a volte grotteschi, a volte mistici. Tutto il dibattito teologico – filosofico riguardo il male e la sofferenza de viventi è sostenuto da cani e da gatti che si confrontano con angeli terribili che nulla hanno a che fare con l’angiologia cristiana. Scrive Eliseo Zanetti della sua prefazione: “Avvicinandosi a questo romanzo pare, infatti, di trovarsi di fronte a un fiore nel deserto. Sembra inconcepibile che un’opera così caratterizzata veda la luce nel nostro tempo. Essa presupporrebbe l’accompagnamento di un articolato dibattito intorno ai numerosi temi affrontati, un clima conflittuale che lo annunci, un ambiente sociale che lo supporti. Invece non c’è niente di tutto questo. L’Assassino Cherubico appare come una meteora nel vuoto siderale, una lama di luce che taglia le tenebre”

L’assassino Cherubico
680 pagine
EURO 33,00

http://www.lasaggezzadichirone.org/site/?page_id=72

Prefazione
http://www.lasaggezzadichirone.org/site/?page_id=121

COME ORDINARE

I LIBRI SONO DISPONIBILI SU:

CATALOGO www.edizionisimple.it
SU TUTTE LE LIBRERIE ONLINE
(IBS.IT, DEASTORE.IT, LIBRERIA UNIVERSITARIA.IT, ECC…)
ORDINABILI SU TUTTE LE LIBRERIE TRADIZIONALI

www.edizionisimple.it
ordini@edizionisimple.it
info@edizionisimple.it
TEL E FAX = 0733/265384
skype: simone_stampalibri
http://www.ibs.it/

I GUADAGNI OTTENUTI DALLA VENDITA DEL LIBRO SARANNO UTILIZZATI PER FINANZIARE LA FORMAZIONE DI UN MOVIMENTO O ALTRE OPERAZIONI IN DIFESA DEL NON UMANO.

Il biocentrismo “pirata” di capitan Watson ovvero il nuovo “animalismo”

Sezione: Saggistica

• La logica, la razionalità “specista” la conosciamo: io che massacro esseri inermi con armi tecnologiche che provocano morti orrende sono nella legalità . Agisco nella legge. Tu che li difendi con armi rudimentali, con bombe puzzolenti , sei un “ecoterrorista” inviso al mondo intero (e a innumerevoli frange “animaliste”). Questa è la logica di una specie spietatamente egemone sul pianeta. Una specie “nazista” verso le altre specie. Una specie che ha ideato un apparato giuridico – teologico – filosofico – scientifico che giustifica il massacro perenne del non umano. Una specie che ha innalzato la mistificazione come una cattedrale gotica verso il vuoto cielo.
Continue reading

Il vergognoso silenzio dei media davanti alla sofferenza del non umano intervista a Marilda Bonanni, giornalista “animalista”

Sezione: Primo Piano

IL VERGOGNOSO SILENZIO DEI MEDIA
DAVANTI ALLA SOFFERENZA DEL NON UMANO

INTERVISTA A MARILDA BONANNI
GIORNALISTA “ANIMALISTA”

—————————————————————————————–

•Il disprezzo mediatico per il non umano
• “Sei una maledetta animalista!”
• I cagnolini con il cappelletto da clown
• La ricerca sulla tratta costa troppo
• “Cari Scalfari, Augias e Mancuso, l’imperativo categorico è limitato a una sola specie?”
• Sapete quanti siamo noi che rispettiamo il non umano?
• I Jihadisti torturano i cuccioli di Omar, il figlio di Bin Laden.
• I nemici del non umano

RICCI: Marilda, lei è di Napoli, vero?

BONANNI: Si…
Continue reading

Campagna internazionale contro i canili-lager italiani. I canili – lager italiani. La “Gomorrah” animale. La parte di “Gomorrah” che Saviano non ha riportato nel suo libro

Sezione: Primo Piano


CAMPAGNA INTERNAZIONALE CONTRO I CANILI – LAGER ITALIANI
I CANILI – LAGER ITALIANI
LA “GOMORRAH” ANIMALE
LA PARTE DI “GOMORRAH” CHE SAVIANO NON HA RIPORTATO NEL SUO LIBRO

Ad Agosto di quest’anno sono stato contattato da tre ragazze, avevano letto una lettera che scrissi a un teologo cattolico riguardante la sofferenza animale. Mi domandarono di aiutarle. Incontrai le ragazze a vicino a Roma. Registrai tutto quello che dicevano. Le ragazze, poi, mi mostrarono delle foto e io, per poco, non vomitai per l’orrore che vidi. Ero scioccato, profondamente scosso. Le foto erano assolutamente orrende. Provai una profonda vergogna. Quello che mi sorprese fu che le ragazze dissero che le persone che lavoravano nei canili erano ricattate; se dicevano qualcosa su quello che accadeva nei canili avrebbero trovato la porta sbarrata. Domandai siamo in Colombia o in Italia? Che diavolo state dicendo?
Le ragazze risposero: le donne che denunciano questi orrori rischiano la vita. Il giro d’affari dei lager è troppo grande. Presi le foto, registrai quello che dicevano e creai con alcuni amici un sito web.
Continue reading

Animalismo politica e partiti. Quello che ho amaramente osservato

Sezione: Saggistica

ANIMALISMO POLITICA E PARTITI.
QUELLO CHE HO AMARAMENTE OSSERVATO

LETTERA A PAOLO RICCI
DI FRANCESCO GUERINI
CANDIDATO VEGETARIANO
DI SINISTRA E LIBERTA’
A CREMA I

Caro Paolo,

la tua lettera “Un chiarimento su un ipotetico movimento politico verde – animalista” ha mosso alcune riflessioni circa le cause dell’inconciliabilità tra movimenti animalisti e partitici nel nostro Paese.
Devo fare una premessa noiosa ma necessaria: come ben sai ho frequentato entrambi gli ambienti, anche se in modi, connotazioni e ruoli diversi.
Innanzitutto ho militato nell’ambiente politico di Sinistra come attivista di base nella Sinistra Giovanile (vedo già gli ortodossi storcere il naso) e nei DS fino all’ottobre 2007. Non ho aderito al PD e mi sono mosso prima in Sinistra Democratica, quindi nella Sinistra Arcobaleno e ora in Sinistra e Libertà, ma stavolta non iscritto. Una Babele, caro Paolo. Facciamo ridere i polli.
Il quadro è decisamente sconfortante con alcune note positive. La linea generale è che negli ultimi anni – ma in coerenza rispetto ad un percorso iniziato lustri fa – la Sinistra si è scompaginata e sta cercando un nuovo ordine, ma quanto è faticoso trovarlo! Continue reading

La bolgia infernale di Cicerale

Sezione: Primo Piano

LA BOLGIA INFERNALE DI CICERALE
LA GOMORRA ANIMALE
(CHE SAVIANO NON CONOSCE E NON HA INSERITO NEL SUO LIBRO)
Un’intervista in quattro parti sull’ orrore dei canili – lager

www.nothuman.org

Tempo fa mi scrisse una giovane campana. Aveva letto una cosa mia che girava nei siti.
Mi pare fosse la lettera a Vito Mancuso. Mi chiese se poteva vedermi e se potevo aiutarla per un problema riguardante i maltrattamenti dei cani. Le dissi che contavo poco ma se voleva, nei miei limiti, l’avrei aiutata. Le chiesi di spiegarmi cosa accadeva e la ragazza mi mandò delle foto che mi lasciarono esterrefatto.
Cose orrende. Provai una profonda vergogna di appartenere alla mia specie degenerata. Provai vergogna per non essermene accorto prima di quest’orrore . Di non aver capito l’entità dell’orrore. Quando questa roba ti arriva via mail e la apri è come ricevere un pugno nello stomaco o un calcio nei testicoli, ti lascia boccheggiante, ti passa la volontà di vivere. Spiegai alla giovane che stavo andando a Venezia e che sarei partito da Roma in macchina. La ragazza mi incontrò nei pressi di Roma, veniva dal Sud e organizzò un incontro con alcune attiviste “animaliste”al mio ritorno da Venezia. Prima di partire per l’Inghilterra le incontrai e registrai (con un registratore) quello che mi dicevano. Queste ragazze, giovanissime, una romana, una fiorentina e una campana, non erano a contatto diretto con i canili ma avevano raccolto del materiale da persone che conoscevano l’orrore di quei luoghi e avevano sui volti i segni dello schifo che avevano visto. Negli occhi portavano la rabbia dell’impotenza davanti al Male.  Perché di Male si tratta. Continue reading

Un teologo difende il non umano: risposte alle domande sugli animali e sulla sofferenza del non umano

Sezione: Religioni e Animali

Un teologo difende il non umano:
risposte alle domande sugli animali e sulla sofferenza del non umano.
Padre Luigi Lorenzetti

Tratto da: Famiglia Cristiana del 03/09/2006
Mi sono chiesta se il comandamento di non uccidere nella sua sintetica enunciazione si riferisca solo agli uomini oppure comprenda anche gli animali.
Angela B.

«Non uccidere» è il comandamento che Dio, tramite Mosè, ha dato a Israele. Gesù, il nuovo legislatore, lo porta oltre l’originaria definizione: «Avete inteso che fu detto: “Non uccidere”… Ma io vi dico…» di non odiare, di non offendere, di amare e perdonare. Il comandamento è posto nell’orizzonte dell’amore, che include e supera la giustizia, e raggiunge il vertice nel mistero del Golgota. È impossibile giustificare, in nome del Vangelo, l’uccisione e la violenza dell’uomo sull’uomo. La violenza non trova alcuna legittimazione morale, non può dirsi mai giusta.
È sostenibile l’interpretazione tradizionale che limita il comandamento di non uccidere ai soli esseri umani? Il comandamento, nella sua dizione sintetica, non esclude gli animali. Infatti, dice: «non uccidere» anziché, «non commettere omicidio». In ogni caso, la comprensione della creazione e del suo futuro ultimo conduce a estendere il comandamento anche agli animali. L’universo (e tutte le sue creature) è affidato all’uomo, perché lo custodisca e lo porti a compimento secondo il disegno di Dio. Certamente le creature sono utili all’uomo ma, prima ancora, sono bellezza e valore per sé stesse e dicono appartenenza al creatore che le ha create. Continue reading